MASSAGGIO PINDASWEDA

MASSAGGIO PINDASWEDA

Il massaggio Pindasweda è tra i massaggi più rilassanti ed emozionali e viene praticato utilizzando dei particolari sacchetti di cotone caldi (Pinda) che racchiudono una miscela di erbe, spezie, olii essenziali e riso o sale grosso. Pinda significa bolo o tampone e Sweda significa sudorazione. Il termine Pindasweda è quindi un termine composto che significa letteralmente “aiutare il corpo a sudare e traspirare”. Il trattamento completo consiste in diverse fasi: nella prima si esegue un massaggio preparatorio e rilassante, con olio vettore e olii essenziali, di circa 20 minuti. Segue l’applicazione dei sacchetti di cotone e il massaggio, sempre con questi, sacchetti, che vengono riscaldati in olio.

massaggio pindasweda benessere torino

PERCHE’ FARE UN MASSAGGIO PINDASWEDA

I principi che rendono efficace un massaggio con tamponi di erbe sono gli stessi sia nell’Ayurveda, sia nella antica tradizione europea: il calore dell’olio caldo aiuta la distensione della muscolatura contratta e al contempo favorisce la liberazione, da parte delle erbe officinali contenute nei tamponi, di principi attivi utili al rilassamento e all’azione anti-infiammatoria. Questo genere di massaggio viene quindi praticato principalmente in caso di affaticamento, dolore, stiramenti. Nel massaggio pindasweda il calore, oltre a distendere la zona, svolge un’azione analgesica sul corpo perché induce un innalzamento dei livelli di soglia della percezione del dolore. Unito alle proprietà delle erbe, quindi, si ottiene un trattamento efficace ed estremamente rilassante e piacevole.

QUANDO FARE UN MASSAGGIO PINDASWEDA

Il massaggio Pindasweda è consigliato in caso di:
• affaticamento,
• dolori articolari,
• muscolatura contratta.
Questo perché il calore dell’olio caldo ha la capacità di rilassare il muscolo contratto e di svolgere una funzione analgesica, alleviando così la sensazione di dolore. Inoltre, permettendo ai principi attivi delle erbe contenute nel bolo di entrare in azione, estende i benefici del massaggio Pindasweda anche ad altre patologie.
Per questo motivo, è molto utile contro:
• artriti,
• reumatismi,
• artrosi,
• dolori cervicali.
Un’altra caratteristica molto importante di questo massaggio è la sudorazione. Quest’ultima infatti, favorisce l’eliminazione delle tossine e delle impurità della pelle, rendendola più tonica e luminosa.
Un altro effetto di questo massaggio è contrastare il gonfiore e migliorare la circolazione sanguigna e quella linfatica, risultando così anche un ottimo rimedio per combattere la cellulite. Inoltre:
• mantiene il corpo giovane: pelle, muscoli, vene, arterie, sistema linfatico, sistema nervoso
• riequilibra il funzionamento armonico dei ritmi fisiologici,
• favorisce l’interscambio dei fluidi corporei,
• mantiene la bellezza e la flessibilità del corpo,
• agisce sul sistema linfatico,
• rimuove le tossine,
• purifica la pelle ,
• attiva i polmoni e il sistema respiratorio,
• favorisce il metabolismo del cibo,
• stimola il sistema immunitario,
• aumenta la resistenza fisica,
• elimina la stanchezza.

Le erbe più utilizzate per preparare i tamponi caldi del massaggio Pindasweda sono:
• Camomilla: ha la capacità di rilassare la muscolatura.
• Rosmarino: è un ottimo antinfiammatorio.
• Malva: svolge un’azione lenitiva.
• Lavanda: ha un effetto rilassante.
• Calendula: ha una funzione lenitiva e antinfiammatoria.
• Biancospino: agisce da sedativo e calmante.
• Tiglio: funziona da calmante e lenitivo.

massaggio pindasweda torino benessere

TECNICHE DEL MASSAGGIO PINDASWEDA

Il trattamento inizia con un massaggio con olio caldo al fine di preparare la pelle. Si viene massaggiati prima da proni e poi da supini e le manovre partono sempre dalla parte inferiore del corpo a salire. Nel massaggio pindasweda si utilizzano sia manovre di massaggio, che di picchettamento e di semplice posizionamento dei fagottini in punti specifici del corpo (per es. i Chakra). I fagottini vengono preventivamente riscaldati immergendoli direttamente in un olio caldo. Il calore, infatti, permette ai principi attivi di sprigionarsi e ai pori della pelle di dilatarsi per accoglierli. Vengono comunque effettuati numerosi passaggi, aumentando il calore dei fagottini ad ogni passaggio. La tecnica si avvale di movimenti rotatori leggeri e delicati che coinvolgono tutto il corpo. Al termine dello strofinamento, i fagottini vengono riscaldati e lasciati in posa per effettuare il riequilibrio energetico. Durante il massaggio Pindasweda l’azione combinata di calore e profumi cattura totalmente corpo e mente

Nella nostra Associazione a Torino (Moncalieri) la stanza è preparata con cura dall’operatore, con questi accorgimenti:
• l’ambiente viene riscaldato alla temperatura che permette di ricevere il massaggio pindasweda nel migliore dei modi e trarne tutti i benefici,
• la musica utilizzata è quella con frequenza 432 hz: questa musica ha delle vibrazioni che aumentano il beneficio del massaggio e delle erbe utilizzate nei saccottini,
• l’incenso, insieme agli olii essenziali, profuma l’ambiente,
• l’atmosfera è rilassante con l’utilizzo di candele e lampade di sale,
• completa il massaggio pindasweda una tisana scelta a proprio piacere.

La durata di un massaggio pindasweda è di 50 minuti.

Visite: 247